header.jpgheder_dx.jpg

Sala 9

Sala 7 Sala 5 Sala 10 Sala 8 Sala 9 Sala 2 Sala 1 Sala 4 Sala 3 Sala 6

Le grandi tele esposte nella sala 9, provenienti dalla donazione Maglione-Oneto, sono emblematiche del rinnovamento voluto da Tammar Luxoro, deciso fautore della necessità di una riforma dell’insegnamento accademico, che nel 1874 ottenne l’istituzione di una “Scuola di paesaggio dal vero”. Insieme con alcuni giovani pittori attivi a Genova (come Serafìn Avendano, Alfredo D’Andrade, Ernesto Rayper, Benedetto Musso, tutti rappresentati nelle collezioni del museo) Luxoro diede vita alla “Scuola di Rivara”, formata da artisti che si ritrovavano a dipingere en plein air, nelle campagne di Carcare e di Rivara. Tale orientamento si avverte anche nei piccolissimi dipinti di Carlo Bixio, paesaggista di gusto macchiaiolo come nella piccola tela di Antonio Varni, Dopo la pesca. 
Alcune opere di artisti quali Serafino De Tivoli (L’innocenza), Giuseppe Abbati (La stalla), Vincenzo Cabianca (Il chiostro di San Zeno a Verona), Markò Karl jr. (L’arco della Catena), documentano, invece, le presenze non genovesi alle mostre organizzate dalla Società Promotrice di Belle Arti. 
Una nuova sensibilità si avverte anche nelle realistiche terrecotte di Giovanni Scanzi, quattro Busti femminili, modelli per i monumenti funerari del Cimitero di Staglieno, o nel Ritratto di contadina di Giuseppe Cabialia; come pure nel bronzo di Lorenzo Massa - Hop là - dalla forte intonazione realistico-popolare, memore della lezione di Vincenzo Gemito

Galleria fotografica

 

 

 

Museo dell'Accademia Ligustica di Belle Arti
Palazzo dell'Accademia
Largo Pertini 4
(Piazza De Ferrari)
16121 Genova
Informazioni Museo:
mail: info@accademialigustica.it
Informazioni Associazione:
mail: info@amiciaccademia.com
Orario dal martedì al sabato
14.30 - 18.30
domenica e lunedì chiuso
Maggiori informazioni